Dopo 12 anni prima come Docente “assistente” (dal 2011), poi come “invitato” e successivamente in qualità di Docente “incaricato” della Facoltà di Filosofia dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma (APRA), con Decreto della Congregazione per l’Educazione Cattolica (il corrispondente MIUR della Chiesa Cattolica) firmato lo scorso 3 giugno 2022, il Professor Padre Alberto Carrara, LC Direttore del Gruppo di Neurobioetica (GdN), Fellow della UNESCO Chair in Bioethics and Human Rights e Membro della Pontificia Accademia per la Vita (PAV), è stato nominato Docente Stabile Aggregato della stessa Facoltà.

Secondo gli Statuti Generali dell’APRA all’ART. 29:

§ 1. Ogni Facoltà deve contare con un numero sufficiente di docenti stabili, secondo le caratteristiche
specifiche della Facoltà e tenendo presente la debita assistenza agli studenti.
§ 2. L’impegno dei docenti stabili può essere totale o parziale.
§ 3. Tutti i docenti stabili, in proporzione al loro impegno di stabilità e di dedizione, devono assumere
la responsabilità della ricerca e della didattica senza trascurare la partecipazione attiva alla vita della
propria Facoltà, che può implicare pure l’assumere compiti di gestione.
§ 4. La promozione dei docenti agli ordini superiori, secondo quanto è stabilito nei presenti Statuti,
avviene dopo un conveniente intervallo di tempo almeno di tre anni, in rapporto alla capacità di

insegnamento, alle ricerche svolte, ai lavori scientifici pubblicati, alla collaborazione
nell’insegnamento e nella ricerca, e all’effettiva collaborazione con l’Ateneo e la Facoltà.
§ 5. I docenti stabili dell’Ateneo per insegnare in un’altra istituzione, ecclesiastica o civile, anche
come invitati, devono ottenere il permesso scritto del Decano della Facoltà, previa consultazione del
Rettore.
§ 6. Il Gran Cancelliere, su proposta del Rettore e del Consiglio Direttivo dell’Ateneo, può assumere
come docente stabile dell’Ateneo un docente di un’altra Facoltà ecclesiastica di grado equivalente. È
però escluso in questi casi che il docente sia stabile in due Facoltà o Università differenti.
§ 7. Il Gran Cancelliere, sentito il parere del Rettore, del Vicerettore Accademico, del Decano e del
Consiglio di Facoltà, può concedere un periodo sabbatico ai docenti stabili, affinché si dedichino
esclusivamente alle attività di ricerca scientifica.

Mentre all’ART. 32 si legge:

§ 1. Al terzo grado di docenti stabili, come ingresso in questa categoria, si trovano gli Aggregati.
§ 2. I docenti Aggregati devono avere un titolo di dottorato valido canonicamente o un titolo
equivalente, aver dimostrato capacità didattiche e pubblicato lavori scientifici, oltre ad aver
previamente collaborato in modo attivo nella vita di una Facoltà, di regola nell’Ateneo.
§ 3. Sono nominati dal Gran Cancelliere su richiesta del Rettore, che invierà la proposta avanzata dal
Decano con il Consiglio di Facoltà, dopo aver udito il Consiglio Direttivo. Per la nomina di un docente
Aggregato si richiede il nulla osta della Santa Sede.

Dal 2011 il Prof. Carrara ha insegnato corsi seminariali, corsi opzionali e per due volte ha ricoperto l’incarico di docente invitato del corso prescritto di Antropologia I per il Baccalaureato in Filosofia; dal 2018 è docente di Filosofia della mente per la Licenza in Filosofia; ha insegnato Neuroetica e altre discipline.

Nella gestione dell’APRA dal 2011 ha ricoperto i seguenti incarichi: Coordinatore del Gruppo di ricerca in Neurobioetica (GdN, incarico che ricopre tutt’ora); Membro del Consiglio direttivo dell’Istituto Scienza e Fede; Membro del Consiglio Direttivo dell’Istituto di Bioetica e Diritti Umani; Fellow della Cattedra Unesco in Bioetica e Diritti Umani (ruolo che tutt’ora svolge); Membro del Gruppo di ricerca dell’ISSD (Istituto di Studi Superiori della Donna, ruolo che ricopre sin’ora).

Di seguito alcune foto significative della vita accademica del Prof. Carrara: