Il mio primo anno di servizio sacerdotale: 2013-2014

Padre Alberto con Papa Francesco
di Alberto Carrara, L.C.

Roma,
14 dicembre 2014.
È
trascorso già un anno da quel 14 dicembre 2013, giorno in cui ho ricevuto il
dono dell’ordinazione sacerdotale ed è iniziato il mio servizio a Dio e alle anime. 
Quest’anno 2014, ho festeggiato,
inoltre, i miei 10 anni di vita religiosa, da quel 11 dicembre 2004 in cui sono
diventato membro della Congregazione religiosa dei Legionari di Cristo.
Questa rassegna fotografica del mio
primo anno sacerdotale
vuol essere un grazie, in primo luogo, a Dio che ha
permesso tanta allegria, e a tutti voi per la vostra amicizia, vicinanza e
stima. Grazie.

La mia prima messa (15 dicembre 2013)
Il 29 giugno 2013, ricevevo il
diaconato

Inizia da lì il cammino prossimo verso l’ordinazione sacerdotale. 

Un
“grazie” di tutto cuore ai miei genitori, a mio fratello Riccardo, ai miei zii
e cugini, a tutti coloro che mi sono stati accanto con la loro presenza e con
le loro preghiere.
Come diacono ho avuto la grazia di
amministrare il mio primo battesimo….

Ecco alcune delle foto della mia ordinazione sacerdotale


Lungo il mio percorso formativo nel
seminario, mi ha accompagnato, in modo speciale, un versetto del libro di
Geremia che dice: «Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima
che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato; ti ho stabilito profeta delle
nazioni» (Ger 1, 5). 

Per me è stato sempre chiaro che, in ogni cosa, nella mia
vita, Dio veniva per primo, mi precedeva, come dice Papa Francesco, Dio ci
“primerea”. Ho avuto sempre la certezza che Dio esiste e che è solo Lui il vero
“padrone” del mio essere e del mio agire nella storia.


Padre Alberto rivestito da sacerdote novello saluta il Cardinal
Velasio De Paolis che l’ha appena ordinato presbitero
Alcune foto della mia prima messa

Un “grazie” speciale ai mie genitori, Mariagrazia e Luciano e a mio fratello Riccardo.

Grazie mamma!
Grazie papi!
Grazie Ricky!

In quest’anno, ho potuto star accanto e celebrare
insieme al nostro amato Padre Álvaro Corcuera, L.C., nostro Superiore Generale
(2005-2013), recentemente scomparso. 


Un “grazie” speciale a questo sacerdote
che ha saputo caricare la croce di tanti di noi nel periodo, forse, più duro e
difficile della nostra storia come congregazione religiosa.

Come diacono ho avuto la grazia di
celebrare col nostra caro Papa Francesco, il 29 settembre 2013, in occasione
dell’incontro con i catechisti in Piazza San Pietro.


Il 14 dicembre 2013, proprio un anno fa, nella Basilica di San Giovanni in
Laterano a Roma, per le mani del Cardinal Velasio De Paolis, ricevevo il
sacramento dell’ordine sacerdotale.
Il 15
dicembre
, presso la Chiesa di San Rocco (lungo Tevere) a Roma, celebravo la
mia prima messa, il mio “cantamessa” come si dice.
In quei giorni
ho celebrato le mie prime messe insieme alla mia famiglia e agli amici che
hanno voluto accompagnarmi nella Basilica di San Pietro, in diverse chiese
romane e poi nella mia città, Padova.


A Padova
ho celebrato le mie prime messe nella parrocchia dove sono nato, dove sono
stato battezzato e dove ho vissuto, Brusegana e nella chiesa parrocchiale di
Santo Stefano Re d’Ungheria, dove oggi vive la mia famiglia.


Iniziava così,
con allegria e gratitudine, questo mio primo anno sacerdotale.
Un anno ricco
di incontri, di celebrazioni, di amministrazioni dei sacramenti, ma anche ricco
di viaggi, di conferenze, di attività accademiche e culturali, dedicandomi all’insegnamento
e alla formazione universitaria nell’ambito della filosofia e nella
neurobioetica.
Ecco alcuni
momenti salienti del mio anno apostolico.


Il mio primo battesimo! Matteo
Il mio secondo battesimo: la sorellina di Matteo, Sofia! Grazie Livia e Luca!
Il mio terzo battesimo: Claudio! Grazie Francesca e Giorgio!
…facendo il pizzaiolo…
Gruppi di Madonna Pellegrina della famiglia
…un pò di svago…
Vita accademica: la neurobioetica…
…l’antropologia filosofica…
…scienza e fede…
Pellegrino per il mondo: Cuba, congresso NEUPSYCO 2013
…alla Camera dei Deputati…
La mia istituzione accademica: l’Ateneo Regina Apostolorum di Roma
Infine, un “grazie” a colei che sempre mi è stata accanto e che protegge tutti i suoi figli: grazie Maria!